You are here

2016 events

25/11/2016 - 09:30

The seminar will consist of two days of historiographical updating on religious history in the medieval and early modern ages in dialogue with scholars belonging to the Japanese network “Pluralistic aspects of medieval and early modern Christianity: towards a new global history from the viewpoint of religious coexistences". The topics addressed will be religious identity, the interweaving between power and faith, and the encounter with the ‘other’

28/10/2016 - 09:00

The 500th anniversary of the Reformation is an opportunity to confront Max Weber’s great scheme for the sociology of religion in a context of universal history. During this two-day conference, experts on the major world religions will discuss the problems of religious history and of the sociology of religions such as are raised by the Reformation. The aim is to elaborate responses that will also help to clarify the complex religious and political situation of our own day.

21/10/2016 - 15:30

Sempre più spesso le neuroscienze richiamano l’attenzione sulle regole generali dell’agire, osservano soggetti in laboratorio, nella contingenza di esperimenti attenti a fenomeni registrati in simultaneità col loro verificarsi, o tutt’al più considerati lontane risonanze di un tempo profondo dell’evoluzione della specie.

30/09/2016 - 12:16

La “Tavola ovale di storia moderna” è un ciclo di incontri seminariali pensati per favorire un confronto e uno scambio scientifico tra chi si occupa di storia moderna, uno spazio libero e informale di aggiornamento storiografico sulle ricerche in corso. Ci si riunisce attorno alla tavola ovale dell’Istituto Storico Italo-Germanico i venerdì all'ora di pranzo dalle 12.30 alle 14.30.

29/09/2016 - 14:30

Il convegno prende spunto dalla commemorazione della condanna a morte di Cesare Battisti nell'estate del 1916. La vicenda umana dell'irredentista trentino, alla quale sarà dedicato ampio spazio nelle relazioni, tenta tuttavia di collocarla in un quadro storico decisamente più ampio, che tenga conto delle molteplici variabili politiche, sociali e culturali che la condizionarono. L'obiettivo del convegno è dunque quello, anzitutto, di porre "il caso Battisti" sullo sfondo del processo di dissoluzione della monarchia austro-ungherese e degli altri grandi imperi europei. Particolare attenzione sarà dunque dedicata sia alla tradizione politica asburgica, da cui la vicenda individuale di Battisti fu segnata profondamente, sia all'affermarsi di nuove identità nazionali che trasformarono in quegli anni la convivenza dei gruppi etnici (non solo gli italiani, ma anche i tedeschi, gli slavi, i magiari e i rumeni) dentro lo spazio della monarchia

06/07/2016 - 14:00

Il convegno intende stimolare la riflessione storica sull'età costituente in Italia attorno a quattro nodi problematici, che definiscono anche le quattro sessioni: i conti con il passato, la gestione del presente, le continuità nella rottura, la costruzione del futuro.

08/06/2016 - 17:30

«Ci siamo svegliati e improvvisamente ci siamo accorti di avere un ruolo da leader, almeno in Europa, ma senza averne la voglia. Il paese non aveva la minima idea di che cosa volesse dire avere un ruolo egemone»
Joschka Fischer

«Dobbiamo convincere il mondo che un’egemonia tedesca in Europa agisce in modo più utile, imparziale e meno dannoso per la libertà che un’egemonia di altri»: così scriveva Otto von Bismarck. Per il «cancelliere di ferro» si trattava di un’egemonia consapevole della forza e dei limiti della «potenza di centro» tedesca e quindi della sua vulnerabilità. Oggi naturalmente la Germania agisce in un contesto storico e politico inconfrontabile con quello bismarckiano, innanzi tutto per l’esistenza dell’Unione europea di cui è parte integrante e insostituibile, ma proprio nel corso dell’attuale crisi economico-finanziaria si è delineata una nuova (sia pur controversa) egemonia tedesca. Di nuovo una «sindrome Bismarck»? La crisi dei rifugiati rischia di portare l’Unione verso la paralisi decisionale e di far perdere a Berlino la capacità di svolgere il suo ruolo di orientamento. «Tutto quello che facciamo in Europa è infinitamente faticoso» dice Angela Merkel. Ancora una volta la Germania si trova a fare i conti con la vulnerabilità della sua egemonia.

20/05/2016 - 15:00

Ciclo su neuroscienze e storia: prospettive, contatti e ipotesi di ricerca
Sempre più spesso le neuroscienze richiamano l’attenzione sulle regole generali dell’agire, osser-vano soggetti in laboratorio, nella contingenza di esperimenti attenti a fenomeni registrati in simul-taneità col loro verificarsi, o tutt’al più considerati lontane risonanze di un tempo profondo dell’evoluzione della specie. Dinanzi a queste proposte, la storia invece sembra aver smesso di interrogarsi sulle ragioni profonde delle azioni degli uomini e delle donne, ferma sulla soglia della impenetrabilità empirica dell’animo umano, considerando l’essere umano come culturalmente tanto costruibile quanto decostruibile. Tuttavia, se distanti appaio-no i modi di studiarlo e di narrarlo, l’interesse delle due discipline è il medesimo: la persona. Il seminario avvia una prima riflessione tra scienziati, storici e studiosi delle scienze umane nel quadro di un ciclo di incontri dedicati a questo tema da Isig e Università Ca’ Foscari.

19/05/2016 - 17:00
  • Presentazione dei volumi 

Il diritto del duce. Giustizia e repressione nell’Italia fascista
Luigi Lacchè (ed), Roma, Donzelli, 2015

Nei tribunali. Pratiche e protagonisti della giustizia di transizione nell’Italia repubblicana
Giovanni Focardi – Cecilia Nubola (eds), Bologna, Il Mulino, 2015

Luigi Lacchè (ed), Il diritto del duce. Giustizia e repressione nell’Italia fascista, Roma, Dondelli, 2015

12/05/2016 - 09:00

Nel corso degli ultimi dieci anni la Soprintendenza per i beni culturali della Provincia autonoma di Trento attraverso l’Ufficio beni archivistici, librari e archivio provinciale, con la collaborazione del Museo Storico Italiano della Guerra di Rovereto e della Fondazione Bruno Kessler, ha promosso importanti progetti mirati al censimento, al riordino, alla descrizione inventariale e in parte anche alla riproduzione di fondi archivistici prodotti da autorità militari austro-ungariche e italiane.

Pages