Il secolo XI: una svolta?