Proteste sociali e cultura popolare alla fine dell’800: strategie di lotta e azione collettiva fra Italia ed Europa

FBK Aula Piccola

Fondazione Bruno Kessler - Polo delle Scienze Umane e sociali

FBK Aula Piccola

Fondazione Bruno Kessler - Polo delle Scienze Umane e sociali

Nella storiografia sui conflitti sociali e sui movimenti di protesta, la fine dell’Ottocento, con l’inizio del processo capitalistico, viene considerata il punto d’inizio per formazione di un nuovo tipo di lavoratore e lavoratrice, sradicati completamente dalle consuetudini del passato e più aperti al verbo socialista. Questo approccio ha finito per focalizzare l’analisi sulla rilevanza politica delle lotte e sulle forme “strutturate” e organizzate di resistenza, lasciando sullo sfondo un ventaglio importante di pratiche e di linguaggi messi in atto dalle classi subalterne.
Partendo dall’analisi dei principali movimenti di protesta che si ebbero a cavallo dell’800 e del ’900, sulla base di fonti edite e inedite, si tenterà di portare alla luce le dinamiche interne ai movimenti sociali, sottolineando i metodi dell’azione collettiva derivati dalle pratiche consuetudinarie della tradizione popolare.
Mutuando l’aspetto interpretativo dagli studi antropologici, l’intervento sarà incentrato sull’analisi dell’insulto, della minaccia e del sabotaggio (attuato spesso attraverso l’incendio e il danneggiamento) quali strumenti utilizzati dai lavoratori per un duplice fine: da una parte, minare l’autorità delle élite; e dall’altra, legittimare la partecipazione politica nel più ampio contesto europeo della fine dell’Ottocento. L’analisi di questo quadro complesso permetterà di gettare nuova luce sulle pratiche di resistenza delle lavoratrici e dei lavoratori e consentirà di comprendere meglio i conflitti sociali nell’Europa di fine secolo.

 

Ciclo di seminari: “Storie in costruzione. Nuovi orizzonti della storia contemporanea

 

 

***
Immagine: “David Rumsey Map Collection, David Rumsey Map Center, Stanford Libraries.”

Speakers

  • Giulio Taccetti
    Speaker
    Giulio Taccetti è visiting fellow presso l’ISIG-FBK e borsista post-doc. del Dipartimento SAGAS dell’Università di Firenze. Allievo della Scuola Superiore di Studi Storici di San Marino, è stato borsista dell’Istituto nazionale “Ferruccio Parri”. I suoi interessi sono rivolti alla storia sociale e culturale fra Ottocento e Novecento.

Contacts

Organizers

Privacy Notice

Pursuant to art. 13 of EU Regulation No. 2016/679 – General Data Protection Regulation and as detailed in the Privacy Policy for FBK event’s participants, we inform you that the event may be recorded and disclosed on the FBK institutional channels. In order not to be filmed or recorded, you can always disable the webcam and/or mute the microphone during virtual events or inform the FBK staff who organize the public event beforehand.
WordPress Cookie Notice by Real Cookie Banner