Le città visibili. Gruppi di stranieri e pratiche quotidiane nelle città portuali del Mediterraneo moderno

19 Novembre 2020 | 11:00 — 12:30

Come sottolineato da una vastissima letteratura legata ai cultural studies, l’artificialità d’origine dello spazio urbano non è sinonimo di semplicità delle relazioni e dei processi che si svolgono al suo interno. La città è luogo dove complementarità e conflitto vengono amplificati dall’alta concentrazione in uno spazio circoscritto di gruppi umani e istituzioni. In questo quadro, la complessità degli spazi urbani portuali mediterranei di epoca moderna è estremamente significativa proprio per la presenza maggiore, rispetto ad altre realtà, di gruppi culturali non omogenei. La nostra proposta di riflessione su questo tema vuole focalizzarsi sul modo in cui questi gruppi contribuiscono in maniera cruciale alla qualità in cui la città ‘appare’, nel momento stesso in cui si rendono essi stessi visibili. Mettendo a confronto differenti porti mediterranei tra la fine del ‘600 e l’inizio del ‘700 (Smirne, Valletta, Livorno e Marsiglia), evidenzieremo come le città siano luoghi dove la negoziazione tra migranti e istituzioni avvenga in modalità differenti che si riflettono proprio sul modo in cui gli stranieri sono percepiti ed evidenti nello spazio urbano specifico.

Coordinamento scientifico
Claudio Ferlan (FBK-ISIG)

Ciclo di seminari: “Tavola ovale di storia moderna

La presentazione avverrà su Google Meet

Per poter organizzare il collegamento è obbligatoria la registrazione entro mercoledì 18 novembre 2020 alle ore 10.00

Durante l’incontro sarà opportuno disattivare webcam e microfono per evitare sovraccarichi di rete.

Relatori

  • Filomena Viviana Tagliaferri
    Relatore ospite
    Filomena Viviana Tagliaferri ha svolto attività di post-dottorato nel Regno Unito e dal 2013 al 2016 è stata post-doc fellow Institute for Mediterranean Studies - Foundation for Research and Technology, Rethymno, Creta. Nel 2017 ha conseguito una Marie Skłodowska-Curie Global Individual Fellowship per il progetto MedRoute. Il progetto si sviluppa presso l’Istituto di Storia dell’Europa Mediterranea - Consiglio Nazionale delle Ricerche di Cagliari, in partnership col Department of History - University of Maryland, College Park. MedRoute si è concluso nell’agosto 2020. Nel 2018 è stata pubblicata la sua prima monografia Tolerance Re-Shaped in the Early-Modern Mediterranean Borderlands: Travellers, Missionaries and Proto-Journalists (1683-1724) (London-New York, Routledge, 2018).

Registrazione

La registrazione a questo evento è richiesta.

Registration closed on 18/11/2020.

Contatti

Avviso sulla privacy

Ai sensi e ai fini del Regolamento UE n. 2016/679 - Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) e come descritto nell'Informativa sulla privacy per i partecipanti all'evento di FBK, si informa che l'evento verrà registrato e divulgato sui canali istituzionali della Fondazione. Per non essere ripresi o registrati, si potrà disattivare la webcam e/o silenziare il microfono durante eventi virtuali oppure informare anticipatamente lo staff FBK che organizza l'evento pubblico.