Il migrante come “corpo malato”. Un aspetto poco noto della storia delle migrazioni transoceaniche italiane di massa

04 Giugno 2020 | 11:00 — 13:00

Sebbene la malattia fosse un fattore determinate per gli esiti dei progetti migratori, solo raramente ha trovato spazio nella pur vasta storiografia sulle migrazioni storiche italiane. Questo perché la malattia dei migranti ha lasciato poche tracce. Il migrante malato non ha forme di assistenza perché diventa un corpo inutile sia nel paese di destinazione sia in quello di origine. Uno spiraglio per cogliere le problematiche del rapporto migrazioni/malattia è fornito dalla documentazione sanitaria dei viaggi del primo Novecento e dalla pubblicista medica dell’epoca. Da queste di fonti emergono informazioni utili per collocare la malattia nel complesso delle problematiche migratorie: il carattere di patologia sociale di massa che nei paesi di immigrazione assumono alcune malattie; le dinamiche di espulsione attuate nei confronti dei migranti; la mancanza da parte dello stato italiano di misure di tutela dei migranti. L’esperienza migratoria comportò per migliaia di persone la riduzione a “nullità fisiologiche”, così li definivano alcuni medici di bordo. Non erano pochi i migranti italiani che alla ricerca di una vita migliore mettevano a rischio la propria sopravvivenza.

Coordinamento scientifico
Anna Grillini, FBK-ISIG

Ciclo di seminari: “Storia Contemporanea

 

La presentazione avverrà su Google Meet

Per poter organizzare il collegamento è obbligatoria l’iscrizione entro martedì 2 giugno.

Si prega di scrivere a:  

Durante l’incontro sarà opportuno disattivare webcam e microfono per evitare sovraccarichi di rete.

Relatori

  • Augusta Molinari è docente di Storia Contemporanea all’Università di Genova. Si è occupata di storia sanitaria, di storia social

Contatti

Avviso sulla privacy

Ai sensi e ai fini del Regolamento UE n. 2016/679 - Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) e come descritto nell'Informativa sulla privacy per i partecipanti all'evento di FBK, si informa che l'evento potrebbe essere registrato e divulgato sui canali istituzionali della Fondazione. Per non essere ripresi o registrati, si potrà sempre disattivare la webcam e/o silenziare il microfono durante eventi virtuali oppure informare anticipatamente lo staff FBK che organizza l'evento pubblico.